Ha ripreso a pieno regime l’attività del Settore giovanile e della Scuola di Pallamano, da sempre attività cruciali per la ASD Pallamano Secchia Rubiera. I due anni di pandemia hanno fortemente sfregiato il movimento dello sport giovanile allontanando tanti ragazzi e ragazze dallo sport. È successo anche alla nostra realtà anche se in questi due terribili anni si è fatto di tutto e di più per evitare l’abbandono dello sport. Questo ha portato ottimi risultati nella fascia 19/17 anni, con il ritorno di tanti ragazzi all’attività che hanno permesso di portare avanti il progetto Vikings (polo di riferimento per l’attività nazionale tra le province di Reggio Emilia e Modena) con l’iscrizione di una squadra nella Under 20 Youth League maschile in gemellaggio con la Scuola Pallamano Modena e allacciando solidi contatti di collaborazione futura con altre realtà della zona. I problemi maggiori si sono invece registrati nella fascia adolescenziale, tra i 16 e i 13 anni. Qui l’abbandono nel biennio della pandemia è stato particolarmente elevato e non è stato facile affrontarlo. Per questo si è deciso, grazie al gemellaggio instaurato per il progetto Vikings Under 20, di collaborare con la Scuola Pallamano Modena anche per allestire una squadra Under 17 numericamente appropriata e qualitativamente interessante. Da soli non sarebbe stato possibile questo. A livello di Under15 i numeri sono risicati ma con l’inserimento di un gruppetto di ragazzini più giovani della  Under 13 si è valutato che il campionato poteva essere affrontato con una certa tranquillità. Questo per quanto riguarda l’attività del settore giovanile, ora invece passiamo alle note molto liete che riguardano la Scuola di Pallamano. La voglia d tornare a mettersi in gioco insieme agli amici è letteralmente esplosa una volta che sono tornate le condizioni per riprendere l’attività in sicurezza. I gruppi Under 13 e Under 11 hanno subito fatto registrare numeri importanti tanto da dover utilizzare spazi autonomi per l’attività di ognuno (invece fino allo scorso anno per la scuola di pallamano i due gruppi si allenavano insieme). Tutto questo senza aver ancora iniziato l’attività di promozione nella scuola locale. Partirà infatti a brevissimo il Progetto Scuola Sport che vedrà gli istruttori proporre il Minihandball a bambine e bambini delle classi terze e quarte delle scuole primarie De Amicis, Ariosto, Polo e Marconi di Rubiera. In totale saranno circa 300 gli alunni coinvolti nel progetto. Più avanti si lavorerà anche con studenti e studentesse della locale scuola secondaria di primo grado. Per rendere più solida tutta questa attività servono però allenatori e istruttori preparati. Quest’anno abbiamo lavorato anche sul consolidamento e sull’ampiamento della nostra squadra di tecnici: al Direttore Tecnico Luca Ferroni e ai collaboratori Davide e Gabriele Giberti da questa stagione si affianca anche il gradito ritorno dell’ex giocatrice di Serie A Dusanka Kotlaja mentre Davide Bartoli ha conseguito il primo livello e altri tre giovani che già collaboravano lo scorso anno, Matteo Gibertini, Alessandro Pezzi e Giovanni D’Agata, hanno iniziato il corso proprio la scorsa settimana.