PALLAMANO CARPI – PALLAMANO MODULA CASALGRANDE 40 – 27

PALLAMANO CARPI: Quaranta (P), Soria 7, Lamberti G., Carabulea 8, Dattoli 5, Selmi Haj Frej (P), Stefani, Samah Haj Frej (P), Toro D. 2, Ben Hadj Ali O. 3, Serafini 11, Karoui 2, Ben Hadj Ali A., Ghelfi 1, Piazzi, Ferrarini 1. Allenatore: Marco Manfredini.

PALALMANO MODULA CASALGRANDE: Cocchi (P), Barbieri 4, Lamberti M. 4, Lenzotti, Caprili (P), Seghizzi 5, Ricciardo (P), Oliva, Vignali, Toro K. 3, Strozzi 8, Zironi, Prodi 2, Capozzoli, Ravaglia, Tronconi 1. Allenatore: Matteo Corradini.

NOTE: primo tempo 16-13. Rigori: Carpi 2 su 2, Modula Casalgrande 1 su 2. Esclusioni per due minuti: Carpi 5, Modula Casalgrande 3. Espulso al 29’st Dattoli (Carpi) per triplice esclusione.

Una brusca battuta d’arresto quella rimediata dalla Pallamano Modula Casalgrande, che al pala Vallauri di Carpi ha rimediato il primo stop stagionale. Fino a questo momento, i biancorossi avevano sempre centrato l’intera posta in palio, sia in campionato, sia nei tornei che hanno preceduto la stagione agonistica. Questa volta, invece, la compagine allenata da Matteo Corradini ha pagato dazio nella seconda giornata della Serie B maschile. Padroni di casa avanti nel punteggio durante l’intero incontro: nel corso del primo tempo la Modula è riuscita a contenere il divario, ma poi nella ripresa la formazione diretta da Marco Manfredini ha sopraffatto in modo definitivo i malcapitati ospiti. Per capire a fondo il reale andamento della contesa, è necessario analizzare i parziali: al 10′ i  locali conducevano sul 5-3, mentre dieci minuti più tardi il margine favorevole ai carpigiani ha raggiunto le 5 lunghezze (12-7). A seguire i casalgrandesi hanno in parte rialzato la testa, ricucendo parte dello strappo: la prima frazione di gioco si è quindi conclusa sul punteggio di 16-13. Dopo l’intervallo, di fatto si è avuto un vero e proprio monologo bianconero: Serafini e soci sono stati capaci di spadroneggiare in ogni fase di gioco, contro una Modula decisamente più opaca rispetto alla vittoriosa prova inaugurale contro l’Estense Ferrara. In quell’occasione si è giocato al pala Keope, e i biancorossi avevano costruito l’affermazione disputando un eccellente secondo tempo: a Carpi invece è avvenuto l’esatto contrario. Si tratta di uno stop che fornisce senza dubbio numerosi spunti di riflessione e soprattutto di lavoro, specialmente in vista dell’imminente e attesissimo derby in programma a Casalgrande contro il Secchia Rubiera. Al 40′ Carpi avanti 24-18, poi 31-22 al 50′: tutto ciò fino ad arrivare a un 40-27 conclusivo che costituisce una logica conseguenza di quanto visto in campo. Parlando delle prove individuali, nei ranghi della Modula spicca comunque il buon rendimento offensivo di Andrea Strozzi: il pivot biancorosso ha totalizzato l’apprezzabile bottino di 8 centri personali. Per quanto concerne Carpi, Samuele Serafini autentico trascinatore nonché miglior realizzatore del confronto: nella vivacità generale dei bianconeri, in buona evidenza pure Daniele Soria. Da segnalare inoltre i 2 gol dell’ex biancorosso Dennis Toro. “Una lezione severa, che tuttavia purtroppo abbiamo meritato – osserva Matteo Corradini (foto di Monica Mandrioli), allenatore della Modula Casalgrande – anche se è vero che le attenuanti non mancano: Carpi ha schierato un buon numero di giocatori che frequentano la prima squadra di Serie A Gold: inoltre, contrariamente a quanto previsto, noi abbiamo dovuto fare i conti con problemi di infermeria. Kristian Toro è tornato sulla ribalta agonistica dopo i recenti acciacchi: tuttavia siamo stati costretti a fronteggiare le pesanti assenze di Gabriele Ferrari e Marco Giubbini, quest’ultimo bloccato da un’inattesa infiammazione. Come se non bastasse, per oltre metà gara ci è mancato pure il contributo di Riccardo Prodi che ha dovuto abbandonare la sfida anzitempo a causa di un infortunio al gomito, le cui conseguenze saranno valutate nei prossimi giorni. Ad ogni modo, tutti questi aspetti non giustificano affatto il modo in cui il ko è maturato – prosegue il timoniere della Modula –  e ad urtare è in particolar modo l’atteggiamento che i nostri ragazzi hanno messo in campo: abbiamo attaccato blandamente, e difeso ancor più blandamente. Con una indole simile non si va da nessuna parte, nemmeno in Serie B regionale. Non vorrei che dopo il successo con l’Estense fosse subentrata una certa supponenza: in tal caso si tratta di un problema da risolvere quanto prima, e con la massima efficacia possibile. Anche se questa Modula proviene da tre stagioni consecutive in seconda divisione, nulla ci è regalato: non dobbiamo mai dimenticarcene”.

LA SITUAZIONE IN SERIE B MASCHILE. Gli altri risultati del 2° turno sono Secchia Rubiera-Estense Ferrara 27-25, Carpine-Sportinsieme Castellarano 33-22, Faenza-Qbm Valsamoggia 33-19, Rapid Nonantola-Ferrara United 45-27, Marconi Jumpers Castelnovo Sotto-Romagna 27-26 e Felino-Tecnocem San Lazzaro di Savena 25-38.

Classifica: Tecnocem San Lazzaro di Savena, Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Carpine, Carpi e Faenza 4 punti; Rapid Nonantola, Secchia Rubiera, Modula Casalgrande e Felino 2; Romagna, Estense Ferrara, Sportinsieme Castellarano, Qbm Valsamoggia e Ferrara United 0.