CARPI (4-3-1-2)

Lorenzi 7. Fresco di prolungamento di contratto il classe 2006 sforna una prestazione da veterano. Unica dell’incontro ma paratona sul tiro a giro velenoso di Nanni e sempre una sicurezza nelle uscite.

Verza 6. Sta molto sulla difensiva e non spinge sulla sua fascia, ma limita le giocate di Nicolas Cortesi.

Rossini 7. Dopo le indecisioni delle ultime uscite, uno degli ex di turno diventa in gigante contro la sua ex squadra e non fa passare nemmeno uno spillo.

Calanca 7. La solita sicurezza e tiene a bada con risultati ottimi un cliente scomodo come Alberto Formato.

Cecotti 7. Rientrato dalla squalifica dimostra di essere in forma smagliante. Anticipa sempre Sala e si ripropone per le ripartenze.

Forapani 6. Parte a destra poi viene spostato al centro e si vede che non è nella sua posizione ideale.

Tentoni 6.5. Un rientro da titolare convincente. Per lui partito al centro e spostato a destra non cambia molto nella sua prestazione (26′ s.t. Mandelli n.g. Tenuto in panchina perchè non al meglio quando entra si vede e si sente).

Larhrib 7.5 (foto di Daniele Lugli). Il migliore in campo per distacco. Fa diventare matto Martini che non riesce a limitarlo e poi sforna un assist al bacio per la rete decisiva di Sall (31′ s.t. Gerbino n.g. Arrivato due giorni fa debutta con il piglio giusto anche se poteva fare meglio nel finale quando sbaglia un tiro a porta vuota con Rizzuto assente tra i pali).

Matteo Cortesi 6. Si presenta subito con una punizione poi è assente per tutto il primo tempo. Nella ripresa partita di sacrificio ma con tante palle perse (48′ s.t. Rossi n.g. Entra e dopo tre minuti lo scontro aereo con Sabotic per il finale che abbiamo già raccontato).

Sall 8. Il gol decisivo che decide il derby e porta i tre punti in casa Carpi vale come oro puro. Si batte come un leone ed è un premio meritato (34′ s.t. Arrondini n.g. Gioca l’ultima parte di gara dando il suo contributo alla causa).

Saporetti 5. Una rete annullata per fuorigioco e un’altra segnata con la mano che gli costa il giallo. Per il resto zero quasi assoluto (43′ s.t. Zucchini n.g. Entrato per mantenere il risultato rinforzando il reparto difensivo).