BAGNOLESE – PRATO 2 – 3

RETI: pt 16’ Addiego Mobilio (P), 22’ Pio Ferrara (B), 43’ Petronelli (P); st 4’ Capiluppi (B), 42’ Diallo (P).

BAGNOLESE (4-3-3): Auregli; Ghizzardi, Capiluppi, Cocconi, Calabretti (44’ st Bruno); Marco Saccani (32’ st Marani), Vezzani (37’ st Bonacini), Quitadamo (40’ st Romanciuc); Pio Ferrara (32’ st Palma), Salvatore Ferrara, Tzvetkov. A disposizione: Giaroli, Bertozzini, Riccelli, Mercadante. Allenatore: Gallicchio.

PRATO (3-4-3): Bertini; Soldani, Colombini, Sciannamè (12’ pt Cecchi); Nizzoli, Trovade, Ciccone (24’ st Campaner), Nicoli; Addiego Mobilio (44’ st Ba), Diallo (46’ st Renzi), Petronelli (12’ st Aprili). A disposizione: Nucci, Del Rosso, Bartolini, Colzi. Allenatore: Brando.

ARBITRO: Spina di Barletta (Ottobretti di Foligno e Piomboni di Città di Castello).

NOTE: pomeriggio con cielo coperto e terreno di gioco in precarie condizioni con diverse zone prive d’erba. Spettatori: 300 circa con 50 circa tifosi ospiti organizzati. Ammoniti: Vezzani, Calabretti e Claudio Gallicchio (allenatore) della Bagnolese, Trovade e Diallo del Prato. Espulsi: Daniele Fontana (preparatore portieri) della Bagnolese e Lucio Brando (allenatore) del Prato negli spogliatoi al termine del primo tempo per comportamento non regolamentare e Colombini del Prato al 22’ st per gioco violento su Tzvetkov. Angoli: uno a dieci per il Prato. Recuperi: 4’ pt e 7’ st.

BAGNOLO IN PIANO (Reggio Emilia) – Una Bagnolese encomiabile per impegno e volontà imbastisce la prestazione della vita azzerando o quasi l’enorme gap col quotato e blasonato Prato. Riacciuffare per ben due volte una situazione di svantaggio non basta però per evitare la quinta sconfitta di fila in campionato, che diventa addirittura la sesta compresa quella dell’eliminazione ai sedicesimi di finale della Coppa Italia. Tantissimi i meriti dell’undici di Claudio Gallicchio, ma costretto anche a recriminare per alcuni episodi chiave che se sfruttati nel modo giusto avrebbero permesso di centrare un meritato risultato utile. Ed invece la Bagnolese resta solitaria al penultimo posto della classifica, che ad oggi significherebbe retrocessione diretta in Eccellenza. Oltre al lungodegente Bertozzini, ai rossoblù manca lo squalificato Uni. Debutto in rossoblù (tra l’altro da titolare) per il classe 2005 Quitadamo, oltre ad un’apposita marcatura a uomo studiata da mister Gallicchio (a turno con Calabretti e Vezzani) sul temuto Addiego Mobilio. Al 16’ il Prato la sblocca: Auregli respinge un sinistro in area di Addiego Mobilio, l’azione prosegue sulla sinistra con assist di Petronelli verso l’area piccola dove lo stesso Addiego Mobilio spinge in porta. Pareggio quasi immediato della Bagnolese con gran gol (il primo in campionato dopo i due in coppa) di Pio Ferrara, che riceve palla in area, se la porta sul sinistro e poi fredda Bertini. Poco prima del riposo il Prato torna in vantaggio: cross di Nicoli, sul tentativo di Ciccone è reattivo Auregli, la sfera schizza verso il secondo palo dove Petronelli insacca con un tap-in in pallonetto. Ma in apertura di ripresa la Bagnolese rimette nuovamente le cose a posto, col calcio piazzato di Salvatore Ferrara e tocco in mischia di capitan Capiluppi (nella foto e al terzo centro stagionale). Al 22’ Prato in dieci, per il rosso diretto a Colombini che rifila un colpo proibito a Tzvetkov. Al 28’ Aprili abbatte in area Salvatore Ferrara all’altezza del dischetto, è rigore che però lo stesso Salvatore Ferrara si fa neutralizzare con Bertini che si allunga alla sua destra ed addirittura blocca a terra il tiro angolato ma abbastanza debole. E così nel finale la doccia gelata per la Bagnolese, con lo spunto di Addiego Mobilio che dal fondo pesca l’ex Correggese Diallo che di testa manda i rossoblù all’inferno.

Luca Cavazzoni