SORBOLO MEZZANI (Parma) – Al termine della partita vinta dal Lentigione sul Sant’Angelo nella seconda giornata di ritorno del girone D di Serie D, l’allenatore del Lentigione, Paolo Beretti, fa la sua analisi: “Non è stata una partita tecnicamente godibile ma l’abbiamo vinta grazie alla disponibilità e al sacrificio dei giocatori contro una squadra difficile da affrontare e la cui classifica è bugiarda rispetto alle sue qualità. In fondo saper soffrire è un merito e per questo faccio i complimenti ai miei giocatori. Sono tre punti importanti. Montipò? È ancora fermo in attesa dell’idoneità al ritorno all’attività, che ci auguriamo arrivi nei prossimi giorni”. Ecco il commento di Andrea Battistello: “È stata una battaglia e siamo usciti vincitori, interpretando bene la partita. Certo, stavolta non c’è stato gran gioco, ma la vittoria è meritata”. Sulla stessa linea il portiere Alfonso Rizzuto (nella foto di Barbara Bastoni in uscita): “È stata una partita tosta, nel primo tempo non ho avuto da fare interventi, nella ripresa qualche pericolo c’è stato ma i difensori mi hanno aiutato a tenere la porta inviolata. Speriamo di continuare così”. Sull’altro fronte il tecnico del Sant’Angelo, Antonio Palo ammette le lacune della sua squadra: “Nel primo tempo eravamo bloccati, impauriti, anche perché i quattro gol presi domenica scorsa ci hanno lasciato dei segni. Nella ripresa ci siamo sbloccati, ma il Lentigione ha tenuto bene. Ora dobbiamo subito ripartire. Il Lentigione è una squadra compatta e concreta, può essere protagonista in questo campionato”.

Giorgio Pregheffi