L’Aglianese, dopo un avvio da protagonista nel girone D di Serie D, ha rallentato l’andatura e ha avuto una flessione e la spiegazione la fornisce l’allenatore Francesco Baiano (foto), il mitico Ciccio ex attaccante del Foggia e del Napoli degli anni 90: “Abbiamo avuto diversi problemi: infortuni, malanni influenzali di molti giocatori e anche miei, siamo stati in emergenza in diverse occasioni, in particolare da tempo non sono disponibili tre difensori centrali su 4, e domenica scorsa a Corticella mi mancavano addirittura otto giocatori. Ciononostante abbiamo perso di misura, in una partita strana con un’espulsione di un loro giocatore che non so spiegare perché non ho visto niente. In ogni caso, visto che la società mi ha chiesto una salvezza tranquilla – continua mister Baiano – siamo in media come punti (32, che valgono il settimo posto, n.d.r.) in un campionato dove almeno 7 squadre lo volevano vincere e noi non eravamo tra queste. Solo la Giana Erminio finora ha mantenuto i suoi programmi e con 11 punti è quasi al sicuro come il Napoli in Serie A (la nostalgia dell’ex, n.d.r.), mentre hanno perso terreno Pistoiese, Carpi, Forlì, Ravenna e Lentigione”. Già il Lentigione, che domani alle ore 14.30 l’Aglianese ospiterà nell’anticipo della terza giornata di ritorno: “Il Lentigione all’inizio è partito piano, ma ora è in fiducia, ha giocatori che possono risolvere la partita con le loro qualità. È una gara difficile come tutte del resto, ci sarà da soffrire”. Mancheranno nell’Aglianese Bruno, Pantanov, che potrebbe recuperare in extremis, e Montuori.

(Giorgio Pregheffi)