Stagione tormentata nel girone D di Serie D per il Sant’Angelo, che, dopo la salvezza conquistata nell’anno precedente nello spareggio playout con la Correggese, sta faticando, al punto che, per effetto di risultati non soddisfacenti, ha già cambiato due allenatori. Dal 16 gennaio scorso, il terzo tecnico della stagione dopo Mazzoleni e Palo è Vincenzo Scarpa, 36 anni, originario di Torre del Greco: “È un’occasione importante per me – dichiara Scarpa – e devo sfruttarla al massimo. Ero già qui come vice di Palo e mi fa piacere che siano stati i giocatori ad esprimersi favorevolmente nei miei confronti. La nostra posizione in classifica è precaria– prosegue mister Scarpa – visto che siamo in zona playout ma abbiamo dei valori soprattutto in attacco (quarto miglior attacco del girone con 36 gol fatti, n.d.r.). Paghiamo gli errori individuali a livello difensivo, inoltre in certe occasioni abbiamo sbagliato approccio. Nelle tre partite disputate da quando ho preso in mano la squadra, abbiamo fatto bene con Ravenna e soprattutto Aglianese, mentre col San Marino abbiamo sbagliato completamente l’impatto con la gara e siamo andati sotto di tre gol, poi abbiamo reagito e sul 3 a 2 per loro abbiamo sfiorato il pareggio colpendo il palo”. Domani nella sesta giornata di ritorno il Sant’Angelo fa visita al Carpi, terzo in classifica: “Il Carpi è una grande squadra – commenta mister Scarpa – lo dicono i numeri e la rosa e inoltre insieme al Corticella esprime il miglior gioco. In attacco è davvero forte. All’andata ci mise in seria difficoltà. Ci dobbiamo salvare e abbiamo bisogno di punti, per cui daremo il massimo per non essere battuti”. Circa la formazione, sono tutti a disposizione salvo il lungo degente Bovolon.

Giorgio Pregheffi