PRATO – CORREGGESE 2 – 0

RETI: 30’ pt Nicoli, 28’ st Mobilio.

PRATO: Nucci, Scianname, Angeli, Cecchi (23’ st Colombini), Mobilio, Aprili, Colombi (35’ st Renzi), Nicoli (15’ st Souare), Soldani, Petronelli (15’ st Masini), Trovade ( 10’ st Cela). (Falsettini, Razzerei, Kouassi, Ba). Alllenatore: Lucio Brando.

CORREGGESE: Tzafestas, Giorcelli, Cavallari, Manuzzi (19’ st Molinaro), Pupeschi, Gozzi (1’st Ferretti), Simoncelli (40’ st Simone Bassoli), Gomis, Palma (1’st Messori) Villanova, Mattia Bassoli (29’ st Bradarskiy). (Mazzi, Davighi, Galli, De Luca). Allenatore: Gabriele Graziani.

ARBITRO: Petrov di Roma 1 (Tasciotti di Latina e Gentilezza di Civitavecchia).

NOTE: La partita è iniziata con 5’ di ritardo perché una porta era più alta rispetto alla misura a norma di regolamento.  Ammoniti: Manuzzi e Gomis. Espulso al 30 pt’ Villanova della Correggese per proteste. Recuperi: 1’ pt e 5’ st.

PRATO – Nell’undicesima giornata di andata del girone D di Serie D, la Correggese cade a Prato al termine di una gara fortemente condizionata dalle scelte del direttore di gara che convalida il gol del vantaggio dei padroni di casa non ravvisando un fallo evidentissimo ai danni di Giorcelli e, prima di riprendere il gioco espelle Villanova per proteste. Nella ripresa i reggiani hanno anche colpito un palo e avuto un’occasione per trovare il pari con Molinaro, prima di subire la rete di Mobilio che ha chiuso la gara. La sfida del Lungobisenzio inizia con 5’ di ritardo a causa di una porta che è alta 253cm, quindi ben oltre la tolleranza prevista dal regolamento. Nella prima parte di gara nessuna delle due squadre riesce a prendere il sopravvento, con i padroni di casa che provano a mantenere il controllo del possesso palla, mentre la Correggese vuole alzare i ritmi per sfruttare la velocità dei propri attaccanti. La partita cambia completamente al 30’ di gioco con un cross che dalla destra attraversa tutta l’area di rigore della Correggese e Giorcelli al momento di rinviare viene steso da un giocatore del Prato, ma per il direttore di gara è tutto regolare e alle loro spalle arriva Nicoli che trafigge Tzafestas. Tra le proteste dei giocatori biancorossi mentre la palla viene riportata a centrocampo l’arbitro sventola in faccia a Villanova il cartellino rosso e la Correggese rimane in dieci. Prima dell’intervallo Tzafestas dice di no a un tiro di Mobilio. Nell’intervallo mister Graziani ridisegna la squadra inserendo Ferretti e Messori e la Correggese prova subito a reagire, anche se il Prato con l’uomo in più cerca di far correre a vuoto i biancorossi sfruttando il possesso palla. Il primo squillo degli ospiti arriva da calcio d’angolo con Gomis che di testa supera Nucci, ma la palla si stampa sul palo. Pur con l’uomo in meno la Correggese controlla le avanzate dei padroni di casa e con Molinaro ha la seconda grande occasione per trovare il pareggio, con l’attaccante biancorosso che dopo aver rubato palla a un difensore toscano si trova a tu per tu con Nucci, ma la sua conclusione è respinta dall’estremo difensore del Prato. Con il passare dei minuti il Prato inizia a prendere campo e dopo aver sfiorato il gol in un paio di occasioni trova la rete che chiude la partita con Mobilio che su una mischia in area è il più veloce a mettere in rete. Sul finale la Correggese non ha più la forza di reagire per trovare il gol che avrebbe potuto riaprire la sfida. “E’ stata una partita fortemente condizionata – ha affermato il tecnico della Correggese, Gabriele Graziani (foto di Daniele Asioli) a fine gara – perché sulla rete del vantaggio del Prato c’è un fallo clamoroso su un mio giocatore e in più dopo siamo rimasti anche in inferiorità numerica. Il Prato è una squadra forte e non ha bisogno di queste cose per vincere”. La Correggese nella ripresa ha avuto anche le occasioni per pareggiare: “Ci abbiamo provato – ha proseguito Graziani – colpendo un palo e avendo un’altra chance importante con Molinaro, poi chiaramente con l’uomo in meno per un’ora alla fine una squadra forte tecnicamente come il Prato ti mette in difficoltà. Ora dobbiamo subito rialzare la testa perché ci aspettano due partite molto importanti mercoledì in coppa e domenica in casa con il Carpi”.

Andrea Munari

Responsabile Ufficio Stampa e Team Manager Correggese Calcio 1948