PICCARDO TRAVERSETOLO – VIRTUS CASTELFRANCO 0 – 2

RETI: p.t. 18′ e 45′ Bertetti (V).

PICCARDO TRAVERSETOLO (4-3-1-2): Caccialupi; Galeotti (26′ s.t. Quenda), Zuccolini, Lorusso (35′ s.t. Manghi), Monica (1′ s.t. Dodi); Sanè, Laribi, Kashari (43′ s.t. Truffelli); Nasic (1′ s.t. Boselli); Fabio Notari, Mangiarotti. (Broccoli, Silvestri, Rodriguez, Rizzitelli). All.: Roberto Notari.

VIRTUS CASTELFRANCO (4-3-3): Gibertini; Posponi (49′ s.t. Pepe), Boccalupo, Palmiero, Hajbi; Nait, Caesar Tesa, Timperio (46′ s.t. Barbieri); Mantovani (41′ s.t. Glorioso), Bertetti (24′ s.t. Barani), Zito (30′ p.t. Nicolosi). (Ficarelli, Casarano, Cantarello, Lodi). All.: Fontana.

ARBITRO: Santini di Cesena (Topo di Cesena e Alemani di Forlì).

NOTE: spettatori 200 circa. Ammoniti: Timperio, Fabio Notari, Posponi, l’allenatore della Virtus Castelfranco Mirko Fontana, Mantovani, Nicolosi, Caesar Tesa, Glorioso. Espulsi: al 27′ p.t. Gibertini della Virtus Castelfranco e Sanè della Piccardo Traversetolo per presunte reciproche scorrettezze, al 31′ p.t. Rizzitelli della Piccardo Traversetolo direttamente dalla panchina per proteste e al 36′ s.t. Dodi della Piccardo Traversetolo per doppia ammonizione. Angoli: 9 a 0. Recuperi: 7′ p.t. e 4′ s.t.

TRAVERSETOLO (Parma) – Succede di tutto nel match clou della decima giornata del girone A di Eccellenza, ma soprattutto succede che la terna arbitrale lascia molto a desiderare e condiziona un risultato finale che penalizza oltre misura la Piccardo nella partita che la poteva avvicinare alla vetta della classifica invece consolidata dalla Virtus Castelfranco che allunga anche sulle inseguitrici. Meglio i parmensi fino al minuto 26. Al 6′ Mangiarotti serve Fabio Notari con girata ravvicinata e miracolo di Gibertini che ci arriva con le punta delle dita e la mette in angolo. Dal successivo corner mischione in area di rigore modenese e palla a Kashari con tiro quasi a botta sicura deviato ancora in angolo. Al 16′ altro assist di un’ispirato Mangiarotti per Nasic che da posizione defilata sulla sinistra in diagonale sfiora l’incrocio dei pali opposto. Al primo vero tentativo il Castelfranco trova il vantaggio: punizione di Zito ribattuta dalla barriera e palla che arriva a Bertetti, che giudicato in posizione regolare scarica in porta da due passi. Al 23′ punizione di Mangiarotti che Gibertini toglie quasi dall’incrocio con un grande intervento. Si parlava appunto del minuto 26 che è fatidico. Mangiarotti cade a terra al limite dell’area a palla lontana, quando si alzerà si tocca la parte sinistra del viso, e si scatena un accenno di rissa. Il direttore di gara cerca di sedarla a fatica e si deve affidare al suo secondo assistente che gli segnala il rosso per Gibertini da una parte e Sanè dall’altra. Non si riparte perchè c’è del movimento anche nei pressi delle panchine dalle parti del tunnel che conduce verso gli spogliatoi e nel frattempo arriva un rosso anche per Rizzitelli che era seduto in panchina. Mister Fontana decide di rinunciare a Zito per fare entrare il secondo portiere Nicolosi. Dopo oltre quattro minuti si riprende a giocare e la Piccardo trova il gol del pareggio che viene però annullato tra le vibranti proteste dei parmensi. Su punizione Laribi imbecca Zuccolini che di testa costringe Nicolosi alla respinta d’istinto poi sul pallone arriva Fabio Notari che insacca. Rete non valida per un presunto fallo dello stesso Fabio Notari su Palmiero, ma nella stessa azione c’è anche una trattenuta su Lorusso che però non viene sanzionata. La partita con il nervosismo ormai salito alle stelle si avvia verso la fine del primo tempo nel quale il Castelfranco prima va vicino al raddoppio con Palmiero solo davanti a Caccialupi superlativo a respingere per poi trovarlo con Bertetti che sfruttando ancora un rimpallo la gira all’incrocio dei pali. Dopo tutto questo la ripresa si gioca in un clima surreale con il Castelfranco che al 17′ spreca il tris con una ripartenza di Nait che serve Hajbi chiuso in uscita da Christian Caccialupi (foto), classe 2004 di Collagna. Mister Notari mette in campo tutti gli attaccanti a sua disposizione e la Piccardo ci prova comunque, ma prima Galeotti di testa da buona posizione la mette alta e poi ci sono due episodi dubbi in area modenese su Boselli e poi Quenda sul quale l’arbitro sorvola. La Piccardo chiude in nove per il doppio giallo a Dodi e c’è il tempo per vedere ancora il Castelfranco vicino al terzo gol con Barani che da ottima posizione la mette sul fondo di poco.