VIRTUS CASTELFRANCO – TERRE DI CASTELLI 2 – 0

RETI: p.t. 13′ Bertetti su rigore; s.t. 12′ Ferrara su rigore.

VIRTUS CASTELFRANCO: Gibertini, Zironi, Marconi, Ceccarelli, Savino (9′ s.t. Timperio), Laruccia, Mantovani (43′ s.t. Barbolini), Nait (41′ s.t. Cantarello), Bertetti, Giordano (9′ s.t. Casarano), Ferrara. (Cavallini, Pepe, Fiorentini, Di Marcello, Caselli). Allenatore: Cattani.

TERRE DI CASTELLI: Venturelli, Cornia (1′ s.t. Gargano), Hajbi, Carta (1′ s.t. Ferrari), Dembacaj, Pigozzi (25′ s.t. Saccani), Hoxha, Bruno (14′ s.t. Stanco), Luca Esposito, Pampaloni, Scarlata (25′ s.t. Uhunamure). (Auregli, Gozzi, Emanuel Esposito, Prandini). Allenatore: Domizzi.

ARBITRO: Ilaria Possanzini di Foligno (Dri  e Touijar di Reggio Emilia)

CASTELFRANCO EMILIA (Modena) – La Virtus Castelfranco batte di rigore il Terre di Castelli e continua la sua marcia nelle zone altissime del girone A di Eccellenza raggiungendo in classifica proprio gli avversari odierni. Derby molto caldo e combattuto tra due ottime squadre, con la squadra di mister Domizzi che si è vista annullare tre segnature, due di queste decisioni sicuramente dubbie. Dopo una buona partenza ospite, al minuto 8 bel traversone dalla sinistra di Ferrara per l’accorrente Bertetti, ma il suo tiro in corsa viene respinto in corner. Al 13′ triangolazione tra Ferrara e Bertetti, il primo riceve palla dal secondo e, solo davanti al portiere, viene steso da quest’ultimo, l’arbitro decreta un giusto calcio di rigore che Nicolò Bertetti (foto) trasforma, portando così in vantaggio la Virtus. Il Terre non sta a guardare ed al 16′ un insidioso calcio di punizione di Hoxha, battuto dal vertice sinistro dell’area, diretto verso la traversa, viene tolto di testa da un Bertetti in versione difensore. Al 21′ segna in mischia Luca Esposito, ma l’assistente segnala un dubbio fuorigioco ed annulla il possibile gol del pari. Al 33′ occasione per Bertetti che, dopo aver ricevuto palla a centro area, calcia di prima intenzione, ma la sfera esce di pochissimo. Al 44′ seconda rete annullata alla formazione ospite, ma l’offside di Scarlata è parso evidente. Nella ripresa al 10′ Nait entra in area dalla destra, si allunga il pallone, Venturelli cerca di deviare la sfera, e forse vi riesce, con Nait che cade a terra, la direttrice di gara assegna il penalty, obiettivamente dubbio per la dinamica, a favore dei padroni di casa e stavolta dagli undici metri si presenta Ferrara che, con una conclusione centrale rasoterra, spiazza Venturelli realizzando il gol del raddoppio. Al 21′ altra mischia in area locale, con Pampaloni che mette la palla in rete da pochi passi, ma anche in questo caso la rete viene annullata, tra le grandi proteste ospiti, per un presunto fallo di mano commesso da un giocatore ospite. Inevitabile il nervosismo quando vengono annullate tre reti, a prescindere che siano state prese decisioni giuste o meno. La partita si spegne molto sul piano delle occasioni se non nel recupero quando Gibertini compie un doppio intervento miracoloso sotto misura prima su Uhunamure e poi su Stanco. Una Virtus più concreta che bella porta a casa tre punti pesanti visto il pareggio del Cittadella, ma il Terre di Castelli esce sicuramente a testa altissima, confermando di meritare l’attuale classifica.

Mirco Mariotti – EmiliaRomagnaSport