18 Giugno 2021

CALCIO ECCELLENZA: IN SICILIA UN PADRE E I DUE FIGLI SI SFIDANO IN CAMPO

Se fosse il titolo di un film potremmo chiamarlo “Lo strano caso della Famiglia Cardinale”, ma in questo caso si tratta di una storia reale che vede coinvolta un’intera famiglia appassionata di calcio. Durante la sfida valida per la 4° giornata del girone A di Eccellenza siciliana tra Cus Palermo e Oratorio San Ciro e Marineo che ha visto vincente i primi sono scesi in campo un padre e due figli, che hanno strappato applausi per un evento che si potrebbe definire storico e che forse non ha eguali al mondo. Partiamo dal calciatore più esperto, il padre Antonino Cardinale, centrocampista centrale classe 1976 che nella sua lunga carriera ha vestito tra le altre le maglie di Acireale, Catania, Salernitana e Foggia e che continua a deliziare tifosi e non indossando la casacca del Marineo. Della stessa squadra fa parte il figlio più grande, l’attaccante esterno classe 1998 Salvo Cardinale che quindi spesso sfrutta gli assist del padre per andare a segno. Infine abbiamo Alessio Cardinale, centrocampista esterno classe 2003 che milita invece nel  Cus Palermo e che ha fatto vedere le streghe proprio al fratello più grande ed al padre durante la sfida di campionato. Per la cronaca il match ha visto vittorioso proprio Alessio, il piccolo di casa, con il Cus che ha strappato una vittoria con il punteggio di 3-1. Sentiamo in esclusiva per la nostra redazione di Tuttocampo.it le parole di Antonino Cardinale che hai nostri microfoni ci ha parlato del rapporto con i propri figli e di questo amore spassionato per il calcio: “Buongiorno a tutta la redazione di Tuttocampo.it. Giocare nello stesso girone con o contro i miei figli sicuramente mi regala molte soddisfazioni. Il calcio è nel nostro dna e di certo auguro il meglio ai miei figli Salvo ed Alessio per il proprio futuro, sia nel calcio che nella vita. Cerco di insegnare loro a divertirsi nel massimo rispetto di se stessi e di tutti i compagni, perché credo che il calcio possa essere un viatico fondamentale nella crescita e nella formazioni prima di uomini e poi di calciatori. Qualcuno mi dice che sono più forti di me, ma in cuor mio spero soltanto che entrambi riusciranno ad esaudire i propri sogni e le proprie aspettative, quello che tutti padri possono augurare ai propri figli.”

(fonte e foto Tuttocampo.it)