11 Aprile 2021

IL MISTER DELLA PALLAMANO CASALGRANDE, FIUMICELLI: ‘GIOCATO UN PRIMO TEMPO INDEGNO’

Questo il commento a fine gara del mister dalla Pallamano Modula Casalgrande, Fabrizio Fiumicelli (nella foto), dopo la sconfitta di misura sul parquet dei marchigiani del Chiaravalle. “Questa sconfitta nasce essenzialmente da tre fattori – spiega Fiumicelli   e prima di tutto sono davvero furioso per quanto riguarda la mentalità che abbiamo messo in campo: soprattutto nel primo tempo, abbiamo affrontato questa sfida in modo che non esito a definire indegno. Non è possibile partire in apnea assoluta, come abbiamo fatto noi: subire un parziale di 8-3 ci può stare contro squadre fuoriserie come Rubiera o Carpi, però stavolta è davvero qualcosa di inammissibile. Chiaravalle sa sviluppare una pallamano coriacea e di buon pregio, ma nel complesso si tratta di un’avversaria alla portata e di conseguenza, il nostro atteggiamento molle e a tratti svogliato è stato assolutamente fuori luogo oltre che davvero inspiegabile. Inoltre, sono di nuovo emersi alcuni problemi sul piano della tecnica e ancora una volta siamo incappati in una quantità eccessiva di errori da distanza ravvicinata. Noi siamo una squadra che predilige azioni di attacco corali e ben manovrate, coinvolgendo costantemente i terzini e i centrali. Fin qui va bene, ma ciò non toglie che la precisione dai 6 metri possa e debba migliorare con urgenza”. Il trainer casalgrandese si sofferma inoltre sulle assenze: “L’assetto rimaneggiato con cui ci siamo presentati ha creato senza dubbio ulteriori ostacoli: oltre alle defezioni che ormai si trascinano ormai da qualche settimana, abbiamo dovuto fare a meno anche di altri due elementi. Nella fattispecie Andrea Strozzi ha saltato la trasferta a causa dei problemi al ginocchio, mentre Mathieu Galopin mancava per motivi personali. Ad ogni modo, chi mi conosce sa bene che io sono ben lontano dall’usare le defezioni come pezza giustificativa: le assenze hanno avuto il loro peso, ma questa partita si poteva comunque vincere”. L’allenatore aggiunge quindi una nota sulle prove individuali: “Nonostante la sconfitta, nelle nostre file spiccano le prove i fratelli Dennis e Kristian Toro. Bene anche Enrico Aldini e un tenace Alessandro Lenzotti e il buon 2° tempo del portiere Luigi Prandi, senza dimenticare i 12 gol di Mattia Lamberti”. Da tempo la Modula ha messo la salvezza in cassaforte, e inoltre i playoff sono irraggiungibili: resta da raggiungere il traguardo di terminare il campionato nella parte sinistra della classifica, un obiettivo di prestigio che tuttavia riveste una valenza principalmente simbolica. “Lo slancio motivazionale deve restare consistente fino al termine – taglia corto Fabrizio Fiumicelli –  e anche se i discorsi legati a playoff e salvezza sono ampiamente chiusi, una squadra così ricca di giovani come la nostra non può affatto concedersi il lusso di rilassarsi. Quando si ha un’età media particolarmente bassa, ogni partita deve essere vista come una tangibile occasione per crescere e migliorarsi sempre di più: di conseguenza le ultime 4 gare della stagione vanno affrontate con un cipiglio nettamente opposto rispetto a quello mostrato sul campo di Chiaravalle e si tratta di un aspetto su cui c’è ben poco da discutere. La Modula deve macinare gioco fino all’ultimo istante di questa annata agonistica: le gare che disputeremo da qui a metà maggio devono infatti servire a gettare solide e credibili basi in vista del nostro percorso durante la prossima stagione”.

(ufficio stampa Modula Casalgrande)