27 Febbraio 2021

CRER: ALLA SCOPERTA DEL NUOVO DELEGATO, FAUSTO FRANCHINI

Il 25 maggio compirà cinquantanove anni e da ben cinquantadue è nel mondo del calcio. Bolognese, agente di commercio, da sempre amante del pallone, Fausto Franchini (nella foto) è oggi uno degli elementi più esperti della nuova “squadra” insediatasi alla guida del Comitato Regionale Emilia Romagna, pur essendosi presentato alla Assemblea Ordinaria Elettiva dello scorso 10 gennaio nelle file dello schieramento opposto. “Avevo deciso di candidarmi per dare un servizio alle società e dopo il risultato elettorale ho voluto assumermi la responsabilità di rappresentarle seguendo le loro indicazioni. Sono sempre stato convinto di una cosa: i club sono i veri protagonisti del movimento e, in quanto tali, la loro volontà va sempre rispettata”. Franchini sarà una delle chiocce del gruppo. “Ci sono tanti ragazzi nuovi, motivati, con una grande voglia di fare. Siamo di fronte ad un ricambio generazionale. In questo contesto credo che i giovani possano beneficiare, in alcuni casi, dell’esperienza di chi, da sempre, vive il calcio dilettantistico”. E’ il caso di Fausto, che si è avvicinato al pallone a soli sei anni entrando a far parte del settore giovanile del Calderara, dove ha svolto tutta la trafila fino all’esordio in prima squadra. Quindi i trasferimenti alla Persicetana, al Sala Bolognese e al Corticella, raggiungendo il campionato di Eccellenza come vertice della carriera sul campo. “Ero un centrocampista – ricorda Franchini – anche se negli ultimi tre anni al Corticella mister Carlotti mi impiegò come esterno basso sinistro”. Proprio alla periferia di Bologna, Fausto ha mosso i suoi primi passi come Direttore Sportivo. “Avevo 33 anni e da allora non ho mai smesso di servire le società in cui ho militato, sempre con la stessa passione”. E con belle soddisfazioni. “Nei quattro anni al Corticella abbiamo firmato il record di imbattibilità nel campionato di Promozione ottenendo il salto di categoria in Eccellenza senza perdere neanche una partita, mentre nella stagione al Boca Basca abbiamo subito ottenuto la promozione in Serie D”. Da lì Boca Granarolo, Mezzolara (Juniores) e la lunga esperienza al Castenaso. Per i primi quattro anni nell’Atletico Castenaso e negli ultimi cinque con il Castenaso Calcio. Nonostante il suo temporaneo “ritiro” dalla politica federale, Fausto è sempre stato vicino al calcio regionale. “Nei nove anni in cui non sono stato inserito nell’organico del Comitato Regionale ho collaborato con l’Settore Giovanile Scolastico ottimamente gestito dal Coordinatore Regionale Massimiliano Rizzello. Mi sono occupato della conduzione del Centro Tecnico Federale a Castenaso, sempre con tanta dedizione e impegno”. Lunedì Franchini sarà a Roma, impegnato assieme al Presidente Regionale Simone Alberici e agli altri Delegati Assembleari nella scelta del nuovo numero uno della FIGC. “Già è stato emozionante partecipare alle recenti elezioni del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, un’occasione in cui ho rivisto tanti volti che guidavano il calcio dilettantistico nazionale dieci anni fa. Quello di lunedì sarà un altro appuntamento fondamentale, al quale arriveremo con un obiettivo ben preciso: far sentire la voce delle società dell’Emilia Romagna”.
Damiano Montanari
Ufficio Stampa e Comunicazione CRER FIGC LND