20 Gennaio 2021

L’EX PRESIDENTE DEL CRER, PAOLO BRAIATI: ‘COSA FARO’ ORA? IL PENSIONATO’

Il presidente uscente del Comitato Regionale dell’Emilia Romagna, Paolo Braiati (foto), ha commentato sul Carlino Modena in un articolo a firma dl collega Davide Setti, la netta sconfitta che ha eletto l’avvocato parmense, Simone Alberici, 298 voti contro 167. E che lo ha costretto ad abdicare dopo due mandati consecutivi, per un totale di 8 anni. “La sconfitta ci sta – il commento rilasciato da Braiati – ma in queste proporzioni mi ha meravigliato. Tre giorni fa avevo 320 candidature e al voto sono arrivato a quota 173, qualcosa non quadra ma non so darmi delle spiegazioni. Che fosse difficile lo sapevo, avendo visto il clima di questi mesi tra tradimenti di persone che avevo portato io in comitato e imboscate subite. Ma il risultato così netto mi ha lasciato di stucco, perchè ci poteva stare di perdere ma con una trentina di voti di scarto. Ora vedremo come si muoveranno e mi auguro ovviamente che tutto vada bene perchè questo è il mio mondo che adoro e in cui ci ho messo 35 anni della mia vita tra società e comitato”. Ma per Braiati sull’esito del voto hanno pesato anche altri fattori: “Negli ultimi anni è cambiato tanto – ha detto Braiati – ed era diventato un peso con la gente che ha identificato il Covid con il Crer, ma anche noi lo abbiamo subito. Poi ha inciso molto la modalità di voto con la lunga diatriba tra in presenza e on line ed è passato il messaggio che noi volessimo infettare le persone e Alberici e i suoi fossero i salvatori della patria”. Poi Braiati conclude così: “Cosa faro ora? Il pensionato”.