22 Febbraio 2020

L’ARCETANA HA RITROVATO NICOLAS BOVI: ‘CREDIAMO NELLA SALVEZZA SENZA I PLAYOUT’

Domenica scorsa nel pareggio conquistato sul campo del Colorno, l’Arcetana ha recuperato dagli infortunii sia il portiere Maurizio Pè che il centrocampista classe 1993, ex Correggese e Lentigione in Serie D, Nicolas Bovi (foto). “Non ho ancora recuperato al 100% il ritmo partita – spiega Bovi –  ma adesso la meta è vicina e il percorso curativo che riguarda la mia caviglia sta procedendo in maniera soddisfacente, dunque spero proprio di poter tornare titolare in tempi non lunghi. Più in generale sono davvero felice per la scelta che ho fatto di approdare all’Arcetana, perchè abbiamo un gruppo di notevole valore sia sotto il profilo calcistico sia soprattutto dal punto di vista umano. Inoltre, la società ha saputo darsi un assetto organizzativo che ho trovato da poche altre parti”. Bovi parla poi della sua squadra: “Quando passiamo in vantaggio tendiamo ad arroccarci un po’ troppo in difesa nell’intenzione di non sciupare ciò che abbiamo costruito in precedenza – prosegue Bovi –  e a quel punto, quando gli avversari trovano la via del gol tutto diventa più difficile faticando a trovare la forza necessaria per reagire e così ci lasciamo sfuggire delle vittorie che sarebbero davvero preziose. Per funzionare con la massima efficacia, quest’Arcetana non deve pensare a costruire fortini, ma al contrario bisogna sempre esprimere al meglio la nostra idea di gioco senza farci prendere dalla preoccupazione primaria di dover difendere il risultato. E’ una lezione che sarà necessario apprendere in tempi brevi mettendola in pratica già a partire dal confronto con il San Felice”. Ma ci sono anche degli aspetti positivi: “Credo che il nostro gruppo abbia ampiamente dimostrato di possedere potenzialità in ogni zona del campo – rimarca il centrocampista dell’Arcetana – e solo per citare un dato, la notevole efficienza in fase offensiva rappresenta senza dubbio uno tra i nostri maggiori pregi, con le cifre che ci assegnano il 4° miglior attacco del girone A di Eccellenza con 35 gol realizzati in 22 gare e si tratta di un dato certamente molto significativo. Inoltre tutti noi abbiamo la ragionevole consapevolezza di poter ottenere la salvezza anche senza passare attraverso i playout, e il duello con il San Felice è sicuramente una sfida di basilare importanza. Da ora in avanti i punti in palio peseranno parecchio”.