10 Luglio 2020

CALCIO PROMOZIONE: IL DERBY DELLE CERAMICHE FINISCE IN PARITA’

SCANDIANESE CASALGRANDESE – CASTELLARANO 2 – 2

Scandianese Casalgrandese: Dei Forti, Zinani (1’st Gazzani), Bursi, Fornaciari (26’st Colatini), Teggi, Pedroni, Ferrari, Caselli, Bokri, Bottazzi (43’st Giberti), Fontanesi. (Tarabelloni, Valestri, Valentini, Issah, Tavaglione, Bianchini). All.: Iemmi.
Castellarano: Leonardi, Pellesi (36’st Forti), Occhi, Galli, Barbati, Koduah, Belfasti, Hardy Nana, Bettelli, Toni (40’st Mucci), Beqiraj (30’st Cheli). (Starna, Paganelli, Messori, Serri, Stefani, Benedetti). All.: Lanzafame.
Arbitro: Cherni di Bologna (Alzapiedi di Parma e Sassi di Ferrara).
Reti: 32’pt Fontanesi su rigore, 35’pt Toni su rigore, 46’pt Hardy Nana, 28’st Fontanesi su rigore.
Scandiano (Reggio Emilia) –  Finisce in parità il derby ceramico che ha inaugurato il nuovo anno del girone B di Promozione. Al 32′ sono i padroni di casa a sbloccare la situazione in proprio favore: Occhi ferma fallosamente Matteo Ferrari in piena area con l’arbitro che assegna il rigore poi trasformato da Fontanesi. Per il pari del Castellarano bisogna aspettare solamente tre minuti e anche in questo caso il gol arriva con una conclusione dal dischetto di Andrea Toni, un rigore concesso per l’intervento di Zinani ai danni dello stesso attaccante ospite. Al 43′ Teggi sfiora il nuovo vantaggio locale, ma il suo tiro da ottima posizione esce di pochissimo a lato. Al 46′ è invece il Castellarano a ribaltare il risultato con Hardy Nana che fa centro con un preciso spunto sul secondo palo. Pochi istanti dopo gli ospiti sfiorano il tris con un contropiede favorevole che però non sortisce gli effetti sperati.  Nella ripresa, al 17′ Caselli colpisce il palo dopo aver raccolto il suggerimento di Bokri. Al 28′ ancora Caselli viene bloccato da Barbati in piena area e il direttore di gara concede il terzo rigore di giornata con Fabio Fontanesi (nella foto) che fa di nuovo centro. Leonardi in evidenza nelle battute conclusive quando interviene sia sulla conclusione ravvicinata di Bursi (36′) sia sulla fiondata dal limite di Colatini (45′).