16 Luglio 2020

IL LENTIGIONE NELLA TANA DEL FORLI’: ‘VA AFFRONTATO CON IL PIGLIO GIUSTO’

di Giorgio Pregheffi

Smaltita la delusione per il mezzo passo falso casalingo col Sasso Marconi, il Lentigione fa visita al Forlì, quest’anno ridimensionato sul piano delle ambizioni, ma pur sempre avversario da prendere con le molle. I romagnoli hanno 25 punti in classifica, 5 in meno del Lentigione, e il loro cammino li ha visti ottenere 6 vittorie e 7 pareggi, le sconfitte sono state 5 con 22 gol fatti e 20 quelli subiti. Pesano sui gol al passivo le ultime due partite sconfitte consecutive. Fino a due settimane fa era la miglior difesa del campionato e proprio nella retroguardia ha perso diversi pezzi per strada e questo ne ha condizionato il rendimento. Nella gara di andata i forlivesi passarono in vantaggio con Biasiol, pareggiò Scalini su rigore e fu il risultato finale. Queste le insidie della partita di domani secondo il tecnico del Lentigione Roberto Notari (nella foto di Barbara Bastoni): “Il Forlì viene da due sconfitte consecutive e quindi non può permettersi di perdere e ci tiene a fare bene. Per questo bisogna affrontarlo col piglio giusto”. Gli chiediamo se firmerebbe per un pareggio: “Mai – risponde deciso Notari – perchè la mia mentalità è quella di cercare sempre la vittoria, poi è chiaro che un punto lo accetterei alla fine”. Miglior difesa del girone, otto risultati utili consecutivi, c’è da essere soddisfatti di questo Lentigione? “Rischio di ripetermi, ma non cambierei con nessuno i miei giocatori che stanno facendo tutti bene. Il rammarico è di non aver avuto mai a disposizione alcuni giocatori che potevano essere importanti”. Il riferimento principale è Caprioni, ancora ai box, ma in questo momento ci sono anche Bouhali e Berni ancora non al 100 per cento, mentre Ferri è pronto e potrebbe giocare. Questa la probabile formazione: Rossi; Palmiero, Maffezzoli, Scalini, Dall’Osso, Zagnoni, Piccinini, Martino, Bernasconi (Barranca), Tamagnini, Ferri.