12 Dicembre 2019

IERI SI E’ CONCLUSA LA TERZA EDIZIONE DEL FESTIVAL SPORTIVAMENTE

Sassuolo (Modena) – Si è conclusa con la coppa alzata dal Pianoterra Sitting Volley Ravenna il Festival Sportivamente, la rassegna giunta alla terza edizione che alla presenza dei campioni sportivi e delle realtà del territorio, senza dimenticare le significative testimonianze di chi non si è lasciato stoppare dalla diversità, ha “invaso” Sassuolo con una serie di appuntamenti ispirati al principio di uguaglianza nella diversità e alle abilità differenti. «Oltre le barriere… insieme si può» è il claim della manifestazione, organizzata dall’associazione Fuori Campo 11 Asd e che ha goduto del patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Sassuolo e della Fondazione di Modena, oltre a una lunga serie di partner che hanno impreziosito lo spessore del progetto. La kermesse che celebra lo sport inclusivo si è sviluppata in tre giorni da venerdì 29 novembre a domenica 1 dicembre, a ridosso della data significativa del 3 dicembre che costituisce la Giornata internazionale delle persone con disabilità, sollecitandone la necessità di un radicamento sempre più naturale e necessario nella società. LE GARE L’appuntamento conclusivo della manifestazione, dopo il boom di pubblico di sabato negli incontri con Monica Contrafatto e Simona Atzori, è stato costituito da un lungo momento di sport giocato che si è snodato tra il mattino e pomeriggio. Al PalaPaganelli sono approdate infatti le migliori squadre emiliano-romagnole di sitting volley per contendersi il campionato regionale di questa specialità, disciplina paralimpica sin dal 1980. Al torneo, organizzato con la collaborazione di Fipav Crer e Modena Volley, hanno partecipato Modena Sitting Volley, Volley Club Cesena, Polisportiva Campeginese – Marconi, Cedacri Sitting Volley Giocoparma, Pianoterra Sitting Volley Ravenna e Sitting Reggio Emilia Arbor. E le squadre si sono fronteggiate alla presenza di Amauri Ribeiro, campione olimpico di pallavolo con la maglia del Brasile e oggi allenatore della Nazionale italiana femminile di sitting volley che si è qualificata alle Paralimpiadi di Giappone 2020, a testimonianza del crescente interesse nel nostro Paese verso questo sport davvero inclusivo open poiché, abbattendo ogni barriera, può essere praticato sia da normodotati sia da disabile guadagnando l’appellativo di “open”. Tornando al torneo, dopo le eliminatorie in mattinata, nel pomeriggio sono andati in scena i playoff e la contesa regionale è stata vinta come detto vinta da Ravenna, che nell’atto conclusivo si è imposta 2 a 0 contro Cesena. La medaglia di bronzo è stata conquistata da Campegine, che nella finalina ha superato 2-0 Modena, mentre nel match per il quinto posto Reggio Emilia ha sconfitto Parma 2 a 1. Le compagini salite sul podio sono state premiate dal sindaco di Sassuolo Gianfrancesco Menani.