12 Dicembre 2019

L’AVVERSARIO DEL LENTIGIONE: IL CILIVERGHE DI MISTER FILIPPO CAROBBIO

Il Ciliverghe Mazzano, avversario di giornata del Lentigione, è la squadra che rappresenta la cittadina lombarda di Mazzano (Ciliverghe è una frazione), comune di 12 mila abitanti circa della provincia di Brescia. Nato nel 1979, ha conquistato la Serie D nel 2014 e la sta onorando con campionati di buon livello. In panchina c’è Filippo Carobbio (nella foto), 40 anni, da giocatore centrocampista di qualità e quantità, che vanta 32 presenze in serie A con la maglia della Reggina e più di 200 partite in serie B con l’Albinoleffe, una squadra cui è rimasto molto legato: “Mi piacerebbe un giorno allenarla – dichiara Carobbio – non so se sarà possibile ma sognare non costa nulla”. A Ciliverghe è arrivato come giocatore, poi, una volta appese le scarpette al chiodo, la società gli ha affidato il timone. In questa stagione, il campionato è iniziato nel migliore dei modi con due vittorie e due pareggi nelle prime quattro giornate, poi è iniziato un periodo nero con una serie di sconfitte, Carobbio spiega perché: “Paghiamo alcuni infortuni che ci hanno privato di giocatori importanti: abbiamo perso quasi subito il nostro capitano Minelli, che ha fatto il crociato, poi uno dei giovani più promettenti, Pasotti, quindi ha saltato diverse gare il nostro attaccante De Angelis, che è rientrato una settimana fa. Inoltre la fortuna non ci ha aiutato, perché abbiamo perso immeritatamente alcune gare dove pure avevamo fatto bene”. E ora il Lentigione: “E’ una buona squadra – rileva Carobbio – guidata da un tecnico bravo come Notari, conosciuto l’anno scorso quando era allo Zola, che fa giocare bene le sue squadre. E poi ci sono giocatori di qualità, come Bernasconi, Zagnoni. Insomma è un ostacolo difficile per noi, dobbiamo fare una partita gagliarda”. Circa la formazione, questo l’undici schierato domenica scorsa col Forlì: Valtorta, Licini, Menni, Mozzanica, Avesani, Belotti, Berta, Vignali, De Angelis, Franzoni, Confalonieri (miglior realizzatore con 4 reti).

Giorgio Pregheffi