17 Novembre 2019

EUGENIO BENUZZI: ‘UN DERBY CONDIZIONATO DAL CAMPO MA CON POCO AGONISMO’

Domenica scorsa Eugenio Benuzzi (nella foto) era sulle tribune di Sorbolo per assistere al derby di Serie D tra il Lentigione e la Correggese. Lui sulla panchina della Correggese di derby reggiani ne ha giocati due, uno perso in casa e uno vinto in trasferta: ‘Il primo giocato al Borelli – ricorda Benuzzi – lo abbiamo perso per 3 a 2 in maniera a dir poco rocambolesca dopo un dominio pressochè assoluto. Nel secondo vincemmo per 2 a o al Levantini di Lentigione con una partita praticamente perfetta. Domenica scorsa non dimentichiamo che mancavano tre miei beniamini che ho allenato insieme a Correggio, Berni, Bertozzini e Davoli’. Poi la disamina sulla partita: ‘E’ stata molto condizionata da un campo molto pesante – sottolinea Benuzzi – soprattutto in un primo tempo nel quale a livello di palleggio ha fatto meglio la Correggese che poi nella ripresa ha subito la pressione del Lentigione. Però di occasioni clamorose, a parte il gol di Bosio, o di grandi parate dei due portieri non ne ricordo e ai quali farei fatica a dare un voto. E’ stata la tipica partita nella quale chi la sblocca poi la vince anche se ai punti era da pareggio. Si è vista sicuramente la mano dei due allenatori, ma forse con poco agonismo’. Per Benuzzi entrambe potranno recitare un ruolo da protagoniste in questa stagione: ‘Due ottime squadre che insieme al Fiorenzuola inserisco nelle quattro che disputeranno i playoff. Ci aggiungo anche lo Sporting Franciacorta con Fanfulla e Crema che le vedo più come mine vaganti’. L’ex mister della Correggese non è neppure stupito dell’attuale terzo posto in classifica dei biancorossi: ‘Mi stupisce come squadra neo promossa, ma non per una società che non lascia mai niente al caso. Ricordiamoci che la Correggese anche nel primo anno di Serie D fece un grande stagione’.