25 Agosto 2019

CALCIO: IL LENTIGIONE SI IMPONE IN RIMONTA SU UN OTTIMO ROLO

All-focus

ROLO – LENTIGIONE 2 – 3

Rolo (4-3-1-2): Aldrovandi; Bonora, Vincenzi, Casarano, Gianferrari; Faraci, Vezzani, Lamia; Ferrara; Napoli, Odoro. Entrati nella ripresa: Fiorentino, Ruopolo, Scacchetti, Calamori, Afzas, Pedrazzoli, Cacitti. Non entrati: Della Corte. All.: Ferraboschi.

Lentigione (4-3-1-2): Rossi; Palmiero, Zagnoni, Dall’Osso, Toma; Bouhali, Tamagnini (36’p.t. Denti), Parisi; Montipò (36’p.t. Piccinini); Bernasconi, Caprioni. Entrati nella ripresa: Cheli, Castelluzzo, Zaccariello, Ferri, Barranca, Agazzi, Cess. Non entrati: Kane, Maffezzoli, Ajibola, Cavazzoli. All.: Salmi.

Arbitro: Casoli di Reggio Emilia (Manfredini e Calzolari di Reggio Emilia).

Reti: p.t. 21′ Napoli, 37′ Odoro; s.t. 6′ Ferri, 21′ Barranca, 45′ Piccinini.

Rolo (Reggio Emilia) – Davanti ad un pubblico numeroso per una gara amichevole, Rolo (Eccellenza) e Lentigione (Serie D) hanno dato vita ad una partita movimentata e ricca di gol. Con qualche assenza importante da una parte e dall’altra, nel primo tempo si è visto un’ottimo Rolo, alla sua prima uscita, che ha messo alle corde un Lentigione impacciato e senza idee. Nella ripresa, invece, è saltata fuori oltre che la differenza di categoria anche quella di una migliore condizione fisica a scapito degli ospiti. Per entrambe modulo a rombo e vantaggio del Rolo con un esterno sinistro del bomber Napoli. Poi dopo un clamoroso incrocio dei pali di Caprioni, il più vivace dei suoi, e una occasione per parte, Salmi effettua due cambi spostando Zagnoni a centrocampo con Denti difensore centrale. Il raddoppio del Rolo arriva grazie ad una deviazione sottomisura di Odoro che corregge in rete una punizione calciata da Vezzani. Nel finale di tempo viene fuori il Lentigione e Aldrovandi è super su una girata ravvicinata di Denti. Nella ripresa i soliti cambi con il Lentigione che prende subito in mano il pallino del gioco e accorcia le distanze con un sinistro ad incrociare di Ferri, in campo con una maschera protettiva per la recente frattura del setto nasale, e poi gara equilibrata e con ritmi più bassi con il Lentigione che trova due guizzi per portare a casa la vittoria. Il primo con un diagonale di Barranca solo davanti ad Aldrovandi e defilato sulla sinistra e in chiusura con una conclusione ravvicinata del giovane Piccinini.