20 Settembre 2019

MONTAGNA DILETTANTI: IL GATTA VA SOTTO DI DUE GOL E POI NE FA CINQUE

GATTA – CORNETO 5 – 3

Gatta: Torcianti, Grisanti, Favali (11’ st Cilloni), Bertolini, Rea, Dallari (31’ st Zampineti), Tamagnini, Caselli, Bertucelli, Malivojevic, Toni (37’ st Ruffini). (Mocchi). All.: Bianchi.

Corneto: Lombardi, Bertocchi (45’ st Castellani), Roccaro, Mazzacani (8’ st Baroni), Vacondio, Ristori, Bondi (37’ st Barale), Mammetti, Caputo, Ruffaldi. (Mailli). All.: Caiti.

Arbitro: Francesco Sermolino (Domenico Colloca e Di Bari).

Reti: pt 17’ e 43’ Caputo (C), 19’ Bondi (C), 26’ Rea (G), 29’ Bertucelli, 31’ e 33’ Caselli (G), st 24’ Bertuccelli (G).

Note: osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Matteo Paolini ex giocatore della Borzanese e Francesco Rossi, giocatore della Vianese, deceduti a seguito di un incidente stradale. Spettatori 150 circa. Ammoniti: Vacondio, Tamagni e Roccaro. Angoli: 4 a 3. Recuperi: 1’ e 4’.

                                                                                   di Giorgio Pregheffi

Gatta (Reggio Emilia) – Gol a catinelle, per dirla come Checco Zalone, emozioni a gogo, giocate magiche (Malivojevic e Bertucelli da una parte, Caputo dall’altra sono saliti in cattedra), insomma la sfida tra Gatta e Corneto ha regalato agli spettatori un grande spettacolo (anche se i puristi hanno storto il naso per i tanti errori) e alla fine hanno prevalso i padroni di casa per 5 a 3 nella giornata d’esordio del Torneo della Montagna. Subito pericolosi gli ospiti dopo 43 secondi: su un lungo rilancio si avventa Mammetti, bravo a superare in velocità i difensori granata ma impreciso nella conclusione. Al 9’ slalom di Tamagnini fermato proprio a due passi dal portiere con un intervento giudicato regolare. Poi doppio choc per il Gatta. Al 17’ parte dalla destra Caputo, si sposta la palla sul sinistro e fa partire uno spiovente alla Del Piero (o alla Insigne in tempi più recenti) che si infila nell’angolo alla destra di Torcianti. Due minuti dopo, su una respinta corta della difesa del Gatta, Bondi mira l’angolino col sinistro, Torcianti è sorpreso e parte in ritardo. Punto nell’orgoglio, reagisce il Gatta, che prima colpisce un palo con un tiro di Toni non proprio irresistibile poi sfiora la marcatura con una gran botta di Bertolini deviata in angolo. Al 26’ angolo di Tamagnini, svetta a centro area Simone Rea (esterno del Lentigione) che insacca. Al 29’ il pareggio è cosa fatta: cross al bacio da sinistra di Malivojevic, di testa Bertuccelli non perdona. Gatta scatenato, si prende la scena Matteo Caselli che realizza una doppietta, colpendo prima col destro poi col sinistro.. Il Corneto non si rassegna e al 43’ Caputo disegna su punizione una traiettoria diabolica che inganna Torcianti. Dopo un primo tempo così, ci si aspetta una ripresa a ritmi più bassi e in effetti sono davvero poche le occasioni, peraltro tutte di marca granata. Una di queste si traduce in gol e, manco a dirlo, a realizzarlo è il bomber Giuseppe Bertuccelli (foto), che col portiere fuori dai pali si aggiusta il pallone e si esibisce in una rovesciata da applausi. Può bastare: stavolta il Gatta è partito col piede giusto.