24 Maggio 2019

SPAREGGIO SERIE D: MODENA SCONFITTO E CONTESTATO DAI TIFOSI

PERGOLETTESE – MODENA 2 – 1

Pergolettese (3-4-3): Stucchi; Lucenti, Fabbro, Bakayoko; Fanti, Manzoni (30’s.t. Mattia Piras), Panatti (39’s.t. Schiavini), Villa; Franchi (40’s.t. Gullit), Bortoluz (30’s.t. Cazzamalli), Morello. (Chiovenda, Manfroni, Facciolla,  Russo, Bitihene). All.: Contini.

Modena (4-3-3): Mattia Raimondo Piras; Bellini, Gozzi, Perna, Cortinovis (38’s.t. Spaviero); Rabiu, Pettarin (1’s.t. Loviso), Duca (27’s.t. Calamai); Montella (17’s.t. Letizia), Ferrario, Baldazzi (44’s.t. Sansovini). (Dieye, Dierna, Ndoj, Messori). All.: Bollini.

Arbitro: Emmanuele di Pisa (Pedone di Reggio Calabria e Franco di Padova- 4° uomo Vergaro di Bari).

Reti: p.t. 13′ Morello, 20′ autorete di Bortoluz, 39′ Franchi.

Note: ammoniti: Lucenti, Panatti, Duca, Baldazzi, Cortinovis, Gozzi, Loviso. Angoli: 7 a 3. Recuperi: 2′ e 5′.

Novara – Tra Modena e Pergolettese è finita per tre volte 2 a 1. Ma se nelle due occasioni in campionato questo risultato aveva arriso ai canarini, nella partita più importante a centrarlo è invece la Pergolettese che vince lòo spareggio del girone D di Serie D e sale in Serie C lasciando solo i playoff al Modena. Lo spareggio si risolve tutto nel primo tempo ed entra subito nel vivo grazie ad una grande giocata del classe 1999, Mattia Morello, che dalla sinistra si accentra e poi dal limite lascia partire una stoccata di destro con palla che va a sbattere sul palo prima di insaccarsi. Il Modena cerca di riordinare le idee e al 20′ pesca un pareggio fortunoso: sulla punizione di Baldazzi c’è la deviazione in mezzo all’area di Bortoluz che spiazza Stucchi. La partita rimane apertissima con la Pergolettese che ogni volta che attacca crea qualche grattacapo come al 29′ quando sul traversone di Franchi è Bortoluz ad alzare sopra la traversa di testa. Ma nel momento in cui il Modena sembra avere in mano la partita con due tentativi di Pettarin, il primo velleitario e il secondo più insidioso, la Pergo torna in vantaggio. Sul primo angolo in favore dei lombardi Fabbro di testa svetta più alto di Perna con miracolo di Piras che nulla può però sulla battuta ravvicinata di Franchi che aveva raccolto la respinta del portiere canarino. In chiusura di tempi ci prova Baldazzi dal limite con palla alta. La ripresa si apre con Loviso al posto di Pettarin e con una grande occasione per Ferrario che gira da pochi passi, ma c’è anche la grande risposta di Stucchi che le mette in angolo. Al 20′ risponde la Pergo con Franchi che la mette di poco alta da ottima posizione. Da qui alla fine nonostante mister Alberto Bollini (foto) tenti di cambiare le carte in tavola con le varie sostituzioni il Modena continua a sbattere contro un muro, quello eretto dalla Pergolettese senza trovare sbocchi e senza creare dei veri pericoli verso la porta difesa da Stucchi. Eccetto in pieno recupero un colpo di testa fuori misura di Sansovini e un destro di Rabiu che termina sul fondo proprio al quinto di recupero. E adesso si dovrà accontentare del playoff di domenica prossima in casa con il Fiorenzuola. Dura la contestazione dei tifosi a fine gara che non hanno voluto la squadra sotto la curva a fine gara. Non è ancora tempo di processi, ma ci siamo vicini.