23 Aprile 2019

CALCIO ECCELLENZA: PER LA CORREGGESE ALTRO KO E ADDIO RECORD DI PUNTI

CORREGGESE – FELINO 1 – 3

Correggese: Ceci, Camara, Guerri (41’s.t. Razzoli), Valeriani, Vecchi, Ghizzardi, Davoli, Landi, Sackey, Binini (6’s.t. Setti), Carrasco. (Carnevali, Calanca, Mezzana, Macri, Mustica, Mazza, Malavolti). All.: Serpini.

Felino: Terenzio, Pasini, Emanuel Martinez, Viscardi, Ferrari, Gennari, Lancellotti, Polichetti (32’s.t. Adofo), Mora (30’s.t. Djalo), Leandro Martinez, Cittadino (20’s.t. Ciuccio). (Depietri, Doaga, Scopelliti, Ganazzoli, Ingegnoso, Lama). All.: Giordani.

Arbitro: Vegezzi di Piacenza (Saygin di Bologna e Marika Tumedei di Forlì).

Reti: p.t. 6′ Lancellotti;  s.t. 4′ Leandro Martinez, 12′ Viscardi, 25′ Landi.

Correggio (Reggio Emilia) – La Correggese, su un campo pesante per la pioggia, subisce la seconda sconfitta stagionale consecutiva e dice addio anche la sogno di battere il record di punti stabilito dal Fiorenzuola che chiuse a 82 punti. Alla prima giocata degna di nota della gara arriva la rete degli ospiti: al 6’ Leandro Martinez calcia una palla velenosa dalla fascia sinistra che sorprende la difesa di casa, lasciando Lancellotti in grado di colpire liberamente a pochi passi da Ceci e di superarlo. La Correggese prova a riordinare le idee ed a far correre la palla ma il campo non aiuta i ragazzi di mister Cristian Serpini (foto) che però al 24’ hanno la palla gol più clamorosa per il pareggio: Ghizzardi, ben lanciato da Davoli, si presenta davanti al portiere avversario Terenzio che compie un autentico miracolo nel respingere il tiro. Al 36’ Terenzio si ripete poi in una sorta di sfida personale, deviando una punizione ben calciata ancora da Ghizzardi. Il secondo tempo riprende con la Correggese che riparte alla ricerca del pareggio, ma al 4’ consente un veloce contropiede al Felino con l’imprendibile Lancellotti che va via, arriva al limite e tira con Ceci che non trattiene e consentendo a Leandro Martinez un tapin per il più facile dei gol. A questo punto la squadra di casa sbanda e al 11′ prima Ceci si riscatta, deviando sulla traversa un tiro a colpo sicuro sempre di Lancellotti, ma nulla può un minuto dopo quando Viscardi devia in rete una palla vagante successiva ad un calcio d’angolo. La terza marcatura scuote i padroni di casa che, con orgoglio, si riversano nella metà campo avversaria, ma la pressione produce solamente la rete della bandiera ad opera di Landi ben lanciato da Valeriani, che entra in area e fredda con un preciso tiro Terenzio.